L’Ustica Lines diventa Libertylines, dalla settimana prossima un aliscafo in piu’ per le Eolie

13 aprile 2016 Notizie Eolie

 

Ed ancora, «dalla settimana prossima – ha proseguito Morace – ci saranno tre mezzi in più in Siremar, uno a Milazzo ed uno a Trapani di riserva, e uno in più per le Eolie. È una trattativa durata quattro anni che siamo felici sia andata in porto. I rapporti con le famiglie Franza e Matacena sono buoni da anni. Sono al primo giorno di scuola, finalmente si è chiusa una lunga vicenda. Ora ci aspetta un enorme lavoro per migliorare la flotta. Nessuno è stato licenziato. Siamo soddisfatti e contenti». L’accordo tra i soci di Snc prevede che Ustica Lines si occupi dei collegamenti tramite gli aliscafi, mentre Caronte&Tourist del segmento traghetti. Il piano industriale prevede l’immissione immediata in servizio di 4 aliscafi, il rinnovo della flotta, l’ottimizzazione degli orari.

 

«La cifra dell’operazione è di 55,1 milioni di euro. Il Tar ci ha detto di tornare all’offerta di quattro anni fa. La convenzione con lo Stato è per 12 anni. Ognuno cercherà di fare quello che sa fare meglio. C’è un’ipotesi di spacchettamento funzionale». Lo ha detto il titolare della Caronte & Tourist Vincenzo Franza commentando l’acquisizione della Siremar da parte della Società di Navigazione Siciliana Spa (Sns). La trattativa è durata quattro anni. Nel 2012 avvenne la privatizzazione della compagnia che collega la Sicilia con le Isole minori (380 dipendenti cui si aggiungono gli stagionali e 75 milioni di fatturato di cui 55 milioni da contributi pubblici). La Siremar venne ceduta alla Compagnia delle Isole, società presieduta dall’armatore Salvatore Lauro e di cui è azionista la Mediterranea holding della Regione Siciliana. L’operazione allora fu resa possibile grazie a una fideiussione della Regione, che era guidata da Raffaele Lombardo, di circa 30 milioni. Ma la fideiussione venne considerata dai giudici (prima il Tar e poi il Consiglio di Stato) un aiuto di Stato e la gara venne annullata. Con la formalizzazione della cessione a Sns esce di scena la Regione siciliana. «Di fatto dal provvedimento della Cassazione – ha aggiunto Franza – sono passati solo pochi mesi. Tutto il resto del tempo è dovuto ai tempi ‘italianì. Comunque il nostro obiettivo è quello di migliorare il servizio. In più abbiamo assorbito tutti i dipendenti della Siremar». ( Fonte il Giornale di Lipari)