Salina: spara con un fucile al vicino, e aggredisce i carabinieri

1 agosto 2014 Cronaca Salina

 

I Carabinieri, quindi, facevano irruzione a casa dei Natoli, confinanti con il terreno dove era stata colpita la vittima. Vistosi scoperto, Natoli Antonino 63enne di Salina, nel tentativo di divincolarsi e di darsi alla fuga aggrediva i Carabinieri intervenuti colpendoli con calci e pugni. Suo figlio, vista la resistenza opposta dal padre, si scagliava a sua volta sui Carabinieri aggredendoli.

{loadposition banner2}

Nel frattempo però arrivavano sul posto altri militari in ausilio che bloccavano i due, padre e figlio, dichiarandoli in arresto in flagranza :

Il primo Natoli Antonino 63enne di Salina, agricoltore, per tentato omicidio, resistenza, violenza minaccia e lesioni a pubblico ufficiale;

E suo figlio Natoli Tindaro 35enne di salina, agricoltore, esclusivamente per resistenza, violenza minaccia e lesioni a pubblico ufficiale;

I militari perquisivano l’abitazione dei Natoli e sequestravano 3 fucili da caccia legalmente detenuti, tra i quali una doppietta dalla quale erano stati esplosi due colpi a pallini da caccia.

Alla base della vicenda ci sarebbero dei dissapori legati alla proprietà di un terreno agricolo.

Già nei giorni scorsi, i Carabinieri erano intervenuti su dei litigi tra loro che però sembravano essersi ricomposti in maniera bonaria.

Nessuna delle due parti infatti aveva ancora proceduto per vie legali e nessuno poteva immaginare un epilogo del genere.

Nella giornata di ieri, invece, all’apice di questi attriti, con modalità che sono ancora in corso di accertamento, Natoli Antonino imbracciava uno dei sui fucili da caccia e da distanza relativamente breve esplodeva due colpi caricati a pallini all’indirizzo del suo vicino, ferendolo seriamente agli arti inferiori.

Resosi conto di ciò che aveva fatto ritornava a casa per cercare di nascondere l’arma, ma l’immediato intervento dei Carabinieri rendevano vano ogni suo tentativo.

Il ferito veniva trasportato tramite elisoccorso all’ospedale Papardo di Messina dove si trova tutt’ora ricoverato non in pericolo di vita.

I Carabinieri intervenuti, aggrediti dai due arrestati, riportavano lievi ferite, escoriazioni e contusioni.

Natoli Antonino su disposizione dell’Autorità giudiziaria veniva tradotto presso il carcere di Messina Gazzi mentre il figlio Natoli Tindaro veniva ristretto presso propria abitazione in regime arresti domiciliari.