Santa Marina Salina ha finalmente il suo primo Prg

16 maggio 2012 Salina News - Eolie News

dovranno ora adeguare le tavole tecniche degli elaborati consegnati una decina di anni fa e aggiornarle con le nuove prescrizioni. Poi ci sarà la trafila burocratica, il deposito degli atti, il passaggio al Cru, infine l’approvazione da parte dell’assessorato: il tutto si dovrebbe concludere entro la fine dell’anno. «È stata una lunga gestazione – dice l’arch. Coniglio – per rendere il Prg perfettamente aderente al Piano territoriale paesistico, strumento di tutela paesaggistica che consentirà possibilità edificatorie di tipo sostenibile, quindi bassi codici di cubatura e solo per strutture ricettive la possibilità della seconda elevazione». Soddisfatto delle conclusioni, il commissario ha voluto ringraziare il sindaco e l’area tecnica del Comune, diretta dal geom. Giuseppe Caravaglio, che lo hanno supportato. «Adesso – commenta con soddisfazione il sindaco Lo Schiavo – si potrà fare programmazione territoriale che, in uno col Piano demanio, consentirà all’Isola di crescere e migliorare nel rispetto delle prescrizioni paesaggistiche». E mentre su questo fronte si fa un passo in avanti, si va indietro nei servizi di collegamento. Lo Schiavo è amareggiato e si sta adoperando perché la Regione riveda quel taglio di 20 milioni ai trasporti nelle isole minori. «È inaccettabile che alla vigilia della stagione vengano improvvisamente a mancare risorse che penalizzeranno ancora le piccole isole. Per noi il trasporto marittimo è vitale: attraverso navi e aliscafi passano non solo pendolari e turisti, ma la scuola, la sanità e tutto quello che ci serve per andare avanti». Battagliero e intransigente nel difendere non solo la sua Salina ma, da presidente dell’Ancim, tutte le altre isole minori, Lo Schiavo è pronto ad azioni energiche per restituire agli isolani quel diritto alla mobilità che rischia di essere penalizzato oltremisura. Sono state infatti soppresse: una corsa per Palermo; quelle da e per Reggio Calabria; la doppia corsa estiva della Ngi per Milazzo e la nave domenicale in notturna. Stesso problema accusato da Favignana; dalle Egadi e da Ustica dove non arrivano più le navi ro-rò, rispettivamente da Trapani e da Palermo. «I sindaci si erano resi promotori di una proposta per il 2013 – dice Lo Schiavo – così da salvare la stagione in corso: abbiamo già pubblicizzato gli orari nelle varie fiere del turismo. Non corrispondono più; che immagine diamo? Non per colpa nostra»(m. c.) (Gazzetta Del Sud)