La Forestale sequestra delle opere abusive a Lipari

2 marzo 2012 Salina News - Eolie News

che il materiale di risulta ricavato dal movimento di terreno, era stato asportato dal luogo del cantiere e scaricato ad una distanza di circa 50 metri lineari su un altro terreno. Al Sig. T.G. veniva contestata: 1) la trasformazione urbanistica del territorio e violazione edilizia in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, nonché a protezione speciale “ZPS” e d’importanza comunitaria “SIC” denominata “ITA030044” istituita ai sensi delle Direttive 79/409/CEE del Consiglio del 2 aprile 1979 e 92/43/CEE del Consiglio del 21 maggio 1992, attuate in Italia con D.P.R. 8 settembre 1997 n° 357; 2) la violazione della normativa antisismica per avere in corso d’opera la realizzazione di un muro di sostegno, armato con ferro da costruzione; 3) la realizzazione di discarica non autorizzata di rifiuti speciali non pericolosi (terre e rocce da scavo) provenienti dallo scavo del sedime del muro di sostegno. Si è quindi proceduto al sequestro dell’area di cantiere e dell’area occupata dal materiale terroso (circa mq. 200,00), resosi necessario per impedire che l’azione illecita venisse portata ad ulteriori conseguenze e per evitare la dispersione delle prove con l’eventuale modifica dello stato dei luoghi. Il tutto veniva affidato in custodia allo stesso Sig. T.G. L’operazione di P.G. è stata condotta con il coordinamento dell’ Ispettorato Ripartimentale delle Foreste di Messina. Dell’accaduto è stata informata la Procura della Repubblica presso il tribunale di Barcellona P.G.