Lipari: recuperato altare romano in terracotta del I secolo d.C

15 settembre 2015 Senza categoria

 

“L’indagine scientifica – spiega il professor Gianfranco Purpura dell’Universita’ di Palermo – fu avviata anche per far cessare i recuperi clandestini, avvalendosi del gruppo dei rinvenitori; ma la missione dell’istituto archeologico germanico di Roma, che aveva avuto affidata la direzione dello scavo, fu sospesa poco prima che iniziasse per un incidente in cui persero la vita Helmut Schlaeger, direttore dell’Istituto, e Udo Graf, suo giovane assistente”.

{loadposition simply468x60}

Ora il recupero, in un’area che il prof.Tusa intende mappare per avere un quadro completo di quanto conservato da quello specchio di mare. “ Collateralmente – ha annunciato- continueremo le esplorazioni a Panarea avviate l’anno scorso grazie alla GUE, Global Underwater Explorer , fondazione americana che fornisce l’assistenza gratuita per le esplorazioni negli alti fondali “. Intanto a Lipari , con “Archeolie” , campagna rivolta a studiosi, studenti, ricercatori e Università, continuano gli scavi nei fondali del porto di Sottomonastero dove otto anni fa è stato scoperto l’antico porto romano.

Tutte le scoperte degli ultimi anni sono visibili in dei video riprodotti in questi giorni nei locali della Lipari Porto Spa a Marina corta.

L’iniziativa è della Lega Navale di Lipari , presieduta da Antonio Casilli , che punta attraverso le offerte dei visitatori all’acquisto di una barca a vela per la promozione delle attività legate al mare e al recupero della tradizione. ( Fonte  Il Giornale di Lipari)