Salina: elezioni comunali a Malfa – Roberto Pirera è l’altro candidato a sindaco

11 aprile 2012 Salina News - Eolie News

dimensioni e, quindi, quello che più di ogni altro ha un rapporto diretto ed immediato con ogni cittadino.

Quello che mi accingo a presentare, è un programma semplice, nato dal confronto di idee di un gruppo di persone, primi tra tutti i candidati al Consiglio comunale, che si propongono di migliorare, per quanto possibile, le condizioni della comunità malfitana, senza cadere nell’errore di proporre un “libro dei sogni”, né di dilungarsi in sterili critiche a chi ha finora amministrato il Comune. In poche parole, cercheremo di essere: propositivi, pratici e sintetici.

 

GLI UFFICI COMUNALI E LE RISORSE.

Il funzionamento della “macchina amministrativa” è il primo passo, qualunque sia il programma e gli obiettivi da realizzare, per tradurre in fatti concreti qualunque idea o progetto. In questo ambito può ricomprendersi anche il problema del “reperimento delle risorse”, che dipendono, oggi più che mai, da una corretta ed oculata gestione amministrativa, capace di generare “risparmi” di spesa, e dalla capacità di “attrarre” finanziamenti provenienti da altri Enti. E’, quindi, nostra intenzione introdurre un “controllo di gestione”, per monitorare costantemente i costi ed intervenire sugli sprechi e le inefficienze, anche attraverso un sistema di incentivi ai dipendenti comunali che otterranno risultati in tal senso; dipendenti che vanno costantemente aggiornati e forniti delle competenze necessarie al raggiungimento degli obiettivi dell’Ente. Creeremo, poi, un “osservatorio permanente”, formato da persone con riconosciute capacità nel settore, al fine di captare fondi europei, ministeriali e regionali. 

 

TRASPARENZA E DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA.

E’ ferma convinzione di tutti coloro che hanno con me intrapreso questa “avventura”, che il cambiamento più radicale rispetto al passato, il “voltare pagina” più netto e deciso, debba attuarsi nei rapporti tra l’Ente comunale ed i cittadini, portando quanto più possibile fuori dal Palazzo tutte le valutazioni, le proposte e le decisioni degli organi di governo e promuovendo una sempre maggiore partecipazione dei singoli cittadini alle scelte da effettuarsi. Tra le altre, è meritevole di menzione in questo ambito, l’istituzione del “Bilancio partecipativo”, che vorremmo attuare da subito, dando la possibilità a tutti, in prossimità dell’approvazione del bilancio preventivo, di fare proposte – tramite il sito internet del comune o con comunicazione inviata al Sindaco – sulla allocazione delle risorse disponibili. Anche l’Ufficio Relazioni col Pubblico va, in quest’ottica, ripensato e potenziato, sì da svolgere realmente la funzione di anello di congiunzione tra cittadinanza ed uffici comunali.

 

LO SVILUPPO.

Il principale fattore di sviluppo e di benessere di una comunità come quella di Malfa non può che essere il turismo, inteso come corretto e rispettoso sfruttamento delle immense risorse naturali che offre l’isola. Per migliorare ed incrementare l’offerta turistica le parole d’ordine sono, oggi più che mai, “destagionalizzare” e “coordinare”. E’, quindi, nostra intenzione promuovere e valorizzare quelle risorse la riserva naturale, percorsi antichi e montani, colture tipiche, edifici di interesse – che consentano di diversificare l’offerta turistica, rendendola accessibile anche a categorie di persone diverse dai “turisti di luglio ed agosto”: stranieri, studenti, persone anziane, soggetti meno abbienti, operatori economici interessati ad manifestazioni fieristiche. Tali iniziative, però, per risultare efficaci, necessitano di un coordinamento su più livelli: innanzitutto tra tutti gli operatori turistici dell’isola, in modo da uniformare l’offerta economica, elevare gli standard qualitativi, veicolare informazioni su richieste di servizi, prenotazioni ecc.; l’altro coordinamento necessario è quello degli Enti comunali presenti sull’isola, la cui azione sinergica è fondamentale per creare i presupposti per l’auspicato sviluppo. Proponiamo, quindi, che si dia vita a due “tavoli permanenti”, la cui sede potrebbe essere proprio Malfa, vista la posizione favorevole, composti uno dai rappresentanti di tutti gli operatori turistici dell’isola e l’altro dagli amministratori dei tre comuni.

 

I TRASPORTI.

Strettamente connessa allo sviluppo, è la problematica dei trasporti, da sempre vero tallone d’Achille delle Eolie. L’obiettivo in tale campo è quello di ottenere, anche attraverso una azione congiunta con gli altri Enti dell’arcipelago, un potenziamento dei collegamenti dalla terraferma, senza il quale è inimmaginabile qualunque crescita economica delle attività isolane. Anche il trasporto interno va potenziato e razionalizzato.

 

AMBIENTE E POLITICHE DEL TERRITORIO.

In un’isola facente parte di un arcipelago riconosciuto “patrimonio dell’umanità” dall’UNESCO, ove esiste una “riserva naturale” di rara bellezza e dove convivono paesaggi ed ambienti difficilmente riscontrabili in un unico contesto, la tutela dell’ambiente non può non rivestire una importanza preminente nell’ambito dell’attività amministrativa di un Comune. Questa, però, deve essere una fonte di ricchezza per la comunità eoliana tutta e non un freno allo sviluppo. Una amministrazione comunale, quindi, ha innanzitutto il compito di vigilare sul rispetto di tutte le norme a tutela dell’ambiente e di un ordinato sviluppo urbanistico, sanzionando ogni forma di abuso, ma deve anche garantire – ed è ciò che faremo ove dovessimo ricevere la fiducia dei nostri concittadini – che vi sia, appunto, un ordinato e compatibile sviluppo urbanistico, a garanzia di una maggiore vivibilità del paese ed a tutela di tutti i posti di lavoro, che a Malfa non sono pochi, esistenti nel settore dell’edilizia. Se è, infatti, auspicabile un freno ad una ulteriore cementificazione dell’isola, evitando la realizzazioni di nuovi immobili o ampliamenti di volume di quelli esistenti, è altrettanto opportuno predisporre tutti gli strumenti – primo tra tutti l’adozione del non più rinviabile P.R.G. – che garantiscano un ordinato ed armonico sviluppo urbanistico, con il recupero degli edifici esistenti, spesso distrutti, in termini di compatibilità con l’ambiente circostante. In questo contesto, ove dovessi essere eletto, mi adopererei affinché il Comune intervenga con incentivi ed agevolazioni – anche in termini di detrazioni sulle imposte comunali – sui proprietari di immobili, per invogliarli a ripristinarne le strutture o anche i soli impianti. A tali fini, proporremo l’adozione di un “Piano del colore”, che stabilisca i parametri cui attenersi in questi interventi di restauro, per far sì che tutti gli edifici si inseriscano armonicamente nel contesto in cui si trovano, nonché di un “Piano energetico”, finalizzato alla eliminazione di sprechi energetici ed allo sviluppo sostenibile.

 

SERVIZI E VIVIBILITA’ CITTADINA.

L’Amministrazione che dal 7 Maggio 2012 mi auguro di guidare, riserverà una attenzione particolare all’incremento, qualitativo e quantitativo, dei servizi a favore delle fasce deboli: bambini, anziani, disabili; incrementando, per quanto possibile, le risorse a ciò destinate e sostenendo, con incentivi e sgravi, chiunque intenda intraprendere una attività in tale ambito. Riteniamo, inoltre, sia da incentivare quanto più possibile la libera e gratuita circolazione di informazioni e notizie, sinonimo di ricchezza culturale e sociale di una comunità. In quest’ottica, ci impegniamo a creare in paese alcune aree “internet free”, ove tutti potranno usufruire gratuitamente di collegamento wireless alla rete e ad organizzare corsi, rivolti ai giovani, altrettanto gratuiti, per l’utilizzo del personal computer. Altro ambito in cui sin da adesso intendiamo prendere un preciso impegno con tutta la cittadinanza, è quello della viabilità cittadina, spesso sacrificata a vantaggio di esigenze non sempre della collettività. E’ prioritario, in tal senso, il reperimento di aree da destinare a parcheggio, la sistemazione ed il potenziamento dell’illuminazione, nonché una diversa regolamentazione della viabilità tra il periodo estivo, quando bisogna ridurre al minimo indispensabile la circolazione dei veicoli nel centro del paese a tutela dell’incolumità delle persone e della salubrità dell’ambiente, e tutto il resto dell’anno, quando invece, per l’esiguo numero di veicoli in circolazione, è possibile consentire la fruizione di maggiori percorsi carrabili: da questo punto di vista intendiamo, ad esempio, consentire nuovamente, nei mesi invernali, la circolazione a doppio senso lungo le strade del centro.

 

 

Al candidato a sindaco Roberto Pirera e alla sua squadra gli auguri di SalinaLive

 

 

 

{loadposition adsense468x60}