Salina:la polemica per l’intitolazione della strada a Troisi si arrichisce di nuovi particolari, idea copiata ?

8 agosto 2013 Salina News - Eolie News

 

«IDEA SCIPPATA»Lei che è anche assessore alla Cultura del comune di Malfa in cui insistono la spiaggia, la casa rosa, i vialetti dove Troisi correva in bici per consegnare la posta a Noiret nei panni di Neruda, alcune settimane fa, ne parla in macchina con Massimo Lo Schiavo il sindaco del comune vicino, Santa Marina.

Raccontandogli l’idea coltivata con il suo sindaco, Salvatore Longhitano, di far tornare a Salina l’allora esordiente Cucinotta e mettere in scena per il prossimo anno un grande evento in memoria dell’attore morto dopo le riprese.

«Idea scippata», dice adesso con sua sorpresa perché, pochi giorni dopo il colloquio, a Santa Marina si organizza in sordina una cerimonia proprio con Maria Grazia Cucinotta, altri attori e la bicicletta di Troisi trasformata in una installazione al centro del porticciolo della stessa Santa Marina.

IL VENTENNALE ANTICIPATO -Anziché il ventesimo anniversario di Malfa è così andato in scena il «diciannovesimo» di Santa Marina con Lo Schiavo in difesa: «Ma non è vero, ci avevamo già pensato». Motivazione respinta da Clara Rametta: «Ricostruzione di comodo».

E, invitata all’ultimo momento con Longhitano, non si sono presentati alla cerimonia diretta da Massimiliano Cavaleri. «Assenti e indignati», hanno borbottato affilando le armi, senza rinunciare al grande progetto, «al ventennale che s’ha da fare nel 2014».

Come hanno ripetuto pure alla Cucinotta, imbarazzata, anche stavolta ospite al Signum, dopo foto, sorrisi e autografi davanti all’installazione della bicicletta di Troisi. Una bici che attraversa un grande pannello davanti al molo intitolato adesso «Passeggiata Troisi». E sul pannello il vecchio manifesto del film forato dal manubrio, le ruote della bici per metà davanti, per metà «oltre», appunto «oltre il tempo», come ha chiamato l’opera il suo autore, Antonello Arena, soddisfatto perché non c’è un turista che non scatti una foto ricordo.

TRE SINDACI PER SEI CHILOMETRI «Ma la bici è solo una copia», sbeffeggiano a Malfa anche i figli dell’assessore-gourmet, Luca e Martina, preparando la rivincita, magari con l’originale, come chiedono al sindaco Longhitano.

Anche se c’è pure il rischio che un’insidia possa scattare nel terzo comune, quello di Leni.

Roba da contropiede con diffidenze incrociate in un’isola dove forse tre municipi a distanza di sei chilometri, con tre sindaci e tre consigli comunali per mille abitanti a testa sembrano davvero troppi. Anche perché le altre sei isole sono tutte amministrate dal sindaco di Lipari. Storie di piccoli ma radicati poteri, un paradosso che avrebbe fatto sorridere il grande Troisi.

LE REAZIONI NEL WEB (Corriere.it)

Ermes: 3 sindaci, 3 consigli, 3 municipi ecc ecc…..per tremila abitanti…

Lettore: Ma unificare questi tre inutili comuni no?

Mattia: Se i trasferimenti ai Comuni da parte dello Stato fossero in funzione pro capite, ovvero tot euro ogni cittadino, molti comuni si unirebbero da soli…

Fuoricasa. Ridicoli.

FCoraz: Massimo Troisi è stato così un grande da aver fatto sembrare la Cucinotta un’attrice.

Limor: La solita Italietta dei campanili.

Felice Cavallaro