Pantelleria invita Lipari, manifestazione il 18 febbraio a Roma per il punto nascita

22 gennaio 2013 Salina News - Eolie News

manifestazione e a estendere tale invito a tutti gli eoliani.

Senza esitare ho risposto positivamente accettando l’invito e dichiarandomi disponibile, assicurandoli, altresì, che avrei fatto in modo di informare i miei concittadini per sensibilizzarli e per coinvolgerli nell’importante iniziativa in difesa di giusti diritti e in modo particolare di quelli per difendere e garantire il diritto alla salute di tutta la popolazione delle piccole isole e, in particolar modo delle donne, dei bambini, degli anziani e degli ammalati cronici e oncologici.

Questa iniziativa che dovrebbe portarci a Roma ha anche lo scopo di essere ricevuti, sempre quella mattina del 18 febbraio, dai rappresentanti delle Istituzioni Nazionali. Anche se siamo sotto elezioni e se il Governo dimissionario non è al massimo, siamo convinti che sia arrivato il momento di farsi sentire per fare in modo che i prossimi politici che ci rappresenteranno abbiano nelle loro “agende” l’obbligo di garantire il diritto alla salute a tutta la popolazione delle piccole isole.

Ci rendiamo conto che Lipari e Pantelleria sono lontane e non è facile, soprattutto in inverno, arrivare a Roma e soprattutto costoso, ma confidiamo nella presenza di quanti hanno veramente a cuore questo problema e che lo vogliono dimostrare non solo con le parole.

Obiettivo primario é quello di portare in piazza il maggior numero possibile di eoliani e panteschi che risiedono a Roma e dintorni, gli studenti eoliani e panteschi che studiano a Roma, i turisti, gli eoliani e i panteschi d’adozione della zona che amano le Eolie e Pantelleria e i nostri concittadini più illustri. Se realmente le sorti dell’Ospedale di Lipari e della “salute” degli eoliani stanno a cuore a tutti noi a questo punto bisogna che ci mobilitiamo per organizzare, insieme agli amici dell’isola di Pantelleria, questa manifestazione di protesta civile e democratica. Troviamo il modo come sentirci, incontriamoci (un ruolo importante possono svolgerlo le Associazioni presenti sul territorio eoliano) e prepariamoci per unirci alla protesta degli amici di Pantelleria.

Saverio Merlino