Panarea:soccorsi da terzo mondo in un arcipelago Patrimonio dell’Umanità

8 luglio 2012 Salina News - Eolie News

prevista dal protocollo dell’ischemia cardiaca. Sono stati trattati nelle guardie mediche di Stromboli e Vulcano pazienti con fibrillazione atriale o pazienti per i quali, senza l’ausilio di macchinari che escludessero patologie più gravi, il ricovero sarebbe stato inevitabile. Per non parlare dell’intervento sanitario attuato a Filicudi, quando un paziente è stato prelevato dal 118 solo dopo 24 ore dalla richiesta, per l’impossibilità dell’elicottero di atterrare, causa avverse condizioni meteo. Tutte queste realtà, sorprendentemente al passo con i tempi in un sud notoriamente arretrato dal punto di vista tecnologico e spesso agli onori delle cronache per casi di malasanità, invece di essere incentivate con finanziamenti mirati, vengono considerate sprechi economici da tagliare. Dal 16 dicembre l’azienda sanitaria ha dimezzato il numero dei medici delle guardie mediche, medici sui quali la popolazione residente ha sempre contato, riponendovi fiducia al di là del loro ruolo, soprattutto nei giorni festivi, nelle notti, quando il mare in tempesta non consente ai medici di base di arrivare sulle isole anche per 4 – 5 giorni consecutivi (e vengono però pagati lo stesso) o quando la popolazione in estate aumenta in modo esponenziale fino a raggiungere un numero di quasi 20.000 persone, al giorno se consideriamo anche le barche presenti alle boe o in rada. E tutto questo grazie al Progetto Eolie Net, progetto che permette di trattare politrauma, ictus, coma, infarti, edema polmonari, e patologie che sulla terra ferma tratterebbe solo il 118; con un solo medico, non potrà funzionare: questi si troverà da solo a fare il medico, il portantino, l’infermiere, l’analista davanti al computer e dovrà anche occuparsi del trasporto dei pazienti all’elipista, facendo affidamento sui volontari e sul 118, perdendo tempo utilissimo per la salvezza del paziente. L’azienda 5, invece, ha trovato una soluzione a dir poco incredibile: dal momento che alcuni medici sono in esubero, si raddoppieranno i medici presenti in guardia medica, ma solo per poche ore settimanali e sempre in orari diurni. Ad esempio, il martedì potrebbero esserci due medici a Ginostra dalle 8,00 alle 16,00, ma dalle 16,00 in poi ce ne sarà uno solo sino al venerdì poi nuovamente due per altre sei ore. Per cui se ti viene un infarto il martedì entro le 16 , hai buone probabilità di sopravvivere altrimenti negli altri orari e fuori dal martedì troveresti un solo medico. Dal 15 giugno, poi, i pazienti più fortunati saranno quelli che si ammalano dalle 8 alle 20, perché l’ASP ha deciso di raddoppiare i medici solo di giorno, e non di notte, come servizio di Guardia Medica Turistica; peccato che non ci siano aliscafi dopo le 20 cosicché i medici si troveranno sequestrati sull’isola e tenuti o a lavorare gratis o ad essere denunziati per omissione di soccorso. I turisti dunque sono tenuti a non ammalarsi di notte. Nell’ottica di un ridimensionamento dell’ospedale di Lipari con gli elicotteri del 118, che fanno già avanti e indietro da un presidio ospedaliero all’altro, i quali ormai non garantiscono alcuna emergenza, la riduzione dei medici nelle isole minori porterà inevitabilmente ad un ulteriore incremento dell’utilizzo dell’eli-soccorso e dei costi. Le Isole Eolie, patrimonio dell’Unesco e conosciute in tutto il mondo, sembrano non meritare di più. Sarà forse necessario dichiarare l’emergenza e chiedere aiuto ad associazioni come Emergency o a Medici Senza Frontiere, come un paese del terzo mondo? Non sarebbe forse meglio adottare una politica della lungimiranza e della prevenzione, piuttosto che quella del risparmio (si fa per dire) ad ogni costo?

La Circoscrizione di Panarea

{loadposition simply468x60}