Notte di paura e di panico a Lipari per due grossi incendi

7 settembre 2011 Salina News - Eolie News

Le fiamme partite da San Salvatore, sospinte dal vento hanno raggiunto le località di Semaforo, Cappero, Monte Gallina e Monte Giardina. Complessivamente l’incendio si pensa di natura solosa, ha ridotto in cenere circa 30 ettari di macchia mediterranea. All’alba sono giunti un canadair della Protezione civile e l’elicottero della forestale che “bombardato” con gettiti di acqua di mare tutta la montagna fino a quando non è stato domato l’ultimo focolaio. Il primo  incendio di vaste proporzioni si è sviluppato intorno alle 21 in località San Salvatore, una delle località piu’ panoramiche delle Eolie. Le fiamme sospinte dal vento, hanno anche lambito uuna quindicina di ville di isolani e turisti. Grande preoccupazione tra i cittadini e il telefono dei vigili del fuoco è stato tempestato di chiamate. Sul posto si è subito recata la squadra, al comando di Aurelio Coglitore. Con l’ausilio di due mezzi si è lavorato tra non poche difficoltà, perchè le fiamme hanno anche raggiunto alcuni punti che sono impervi. Presenti anche la forestale con gli ispettori capo Mario Scaduto e Angelo Coco e i carabinieri. Con il passare del tempo la situazione si è presentata sempre piu’ critica. Le folate di vento hanno sospinto le fiamme che si sono propagate in lungo e in largo raggiungendo anche alcune case. Il fuoco si è esteso fino alla parte alta della montagna. Folla di curiosi lungo la strada di San Salvatore. Si tratta dell’incendio piu’ grosso di tutta l’estate eoliana. Un altro incendio nel cuore della notte si è sviluppato a Lami. E anche in questa borgata sono giunti i pompieri e la forestale. Evacuata una abitazione che era minacciata dal fuoco. Dopo lo spegnimento, opera di bonifica da parte della forestale .

{loadposition simply468x60}