Lipari: il documento proposto dalla giunta Bruno in relazione alla chiusura del punto nascite

14 ottobre 2011 Salina News - Eolie News

B) Il decreto di cui sopra prevede, in deroga al criterio che stabilisce come punto nascita quelli superiori a  500 parti l’anno,   il mantenimento di  punti nascita  in funzione alla loro distanza dal presidio ospedaliero di livello superiore  più vicino, stabilendo come criterio il tempo massimo di percorrenza di 60 minuti. Pertanto quanto previsto nel suddetto decreto per l’ospedale di Lipari è in totale difformità alle deroghe previste nel medesimo decreto, in quanto zona disagiata per la peculiarità di un territorio isolano e disgregato come le  isole Eolie, in cui i tempi di percorrenza per raggiungere il presidio ospedaliero di livello superiore sono di gran lunga superiori ai 60 minuti previsti. C)   Il Decreto assessoriale è in difformità alla legislazione vigente in materia di garanzia dei L.E.A. ( livelli essenziali di assistenza ) D) Il decreto in oggetto prevede, inoltre, nell’ottica di evitare fenomeni di marginalizzazione dei presidi, la rotazione del personale medico fra i vari presidi del distretto ospedaliero, che  per il nostro presidio dovrà essere di comprovata esperienza professionale ( in particolare con un’adeguata casistica di primo operatore per quanto riguarda la chirurgia e l’ostetricia e ginecologia ). Tale rotazione dovrà riguardare anche il personale in servizio presso il Nostro ospedale, per l’acquisizione e mantenimento della manualità e dell’esperienza necessaria a garantire un’adeguata assistenza. E) Si desidera ribadire che la garanzia dei L.E.A. passa anche attraverso organici, in atto non assegnati all’ospedale di Lipari, che registra, invece, una dotazione organica per alcune discipline insufficiente a garantire un’adeguata turnazione prevista dalla legge ( meno di 4 medici rispettivamente per Area Chirurgica e per Area di Ostetricia e Ginecologia e 3 medici per le altre discipline non chirurgiche non possono garantire la turnazione del personale per 365 giorni l’anno) Le discipline in atto carenti sono: Ostetricia 3 medici su 4 necessari. Pediatria 2 medici su 3. Cardiologia 2 medici su 3. Nefrologia  2 medici su 3 ( con dieci posti/dialisi e numerosi turisti in programma dialisi/vacanza). F) Si rammenta, ancora, che non tutte le emergenze possono essere gestite tramite trasporto dei pazienti presso altri presidi ospedalieri in quanto le condizioni meteo non sempre consentono il trasferimento via mare o tramite elicottero, tenendo anche in considerazione la non sempre pronta disponibilità dei mezzi di soccorso in particolare dell’elicottero del 118, con conseguenti notevoli ritardi per garantire un tempestivo intervento. G) Si fa rilevare, infine, che nell’Ospedale di Lipari è stato soppresso  il reparto di Pediatria ed attualmente i bambini vengono ricoverati in una  stanza allestita all’interno del reparto di “ Medicina Generale” creando di fatto una situazione di promiscuità che espone a serio rischio la salute dei piccoli degenti esposti al pericolo di contagio proveniente da altri pazienti adulti presenti nel reparto stesso. Il tutto oltre al grave disagio a cui lo stesso bambino viene sottoposto per soggiornare in un ambiente non consono alla sua età.

{loadposition adsense468x60}