Isole Eolie:aumento Imu, gli albergatori sul piede di guerra

28 ottobre 2012 Salina News - Eolie News

considerato che le strutture ricettive rimangono aperte per circa sei mesi. Gli aumenti per le altre categorie produttive – sicuramente deprecabili – si aggireranno comunque nell’ordine di alcune centinaia di euro. Per un negozio di medie dimensioni, l’aumento è stato di circa € 350, con un aumento totale di circa € 600 qualora si dovesse applicare l’aliquota massima. È evidente, sottolinea Del Bono, che l’eventuale aumento lineare delle aliquote (ovvero stessi punti percentuale per tutte le categorie produttive) rappresenterebbe una grave forma di iniquità e discriminazione sociale. Perché relegherebbe una classe produttiva – quella che attualmente sviluppa la maggiore forza lavoro – a dover sopportare degli oneri ben al di sopra delle proprie possibilità. Solo un atteggiamento superficiale e da struzzo potrebbe non prendersi la briga di illustrare le necessità di applicare un’aliquota differenziata. Gli utili delle strutture alberghiere negli ultimi periodi, incalza Del Bono, sono prossimi allo zero e molte aziende quest’anno chiuderanno in perdita i propri bilanci, a causa della crisi economica che ha spinto a livellare verso il basso le tariffe, e a fronte di costi e tasse sempre più onerosi. A questo bisogna sommare un incremento della ricettività negli ultimi anni al quale non è però seguito l’auspicato miglioramento delle infrastrutture e dei servizi di base. Aumentare ulteriormente la tassa sugli immobili ci costringerà a contenere altri costi. Questo è il responso unanime dell’assemblea: “ci costringono a ridurre a cinque mesi il periodo di apertura e il numero degli addetti”. Il costo sociale da pagare sarà altissimo e qualcuno dovrà assumersene la responsabilità. Le imprese alberghiere eoliane, secondo una stima effettuata per difetto, arrivano ad impiegare oltre 1000 addetti, che in diversi casi riescono a raggiungere i sei mesi di occupazione. Nei giorni scorsi avevamo scritto e sentito il Sindaco, Giorgianni, l’Assessore al Bilancio, Biviano, il Presidente della Commissione bilancio, Orto, il presidente del Consiglio comunale, Sabatini e diversi consiglieri, per sensibilizzare le istituzioni sulla questione. Ma ad oggi, l’amministrazione, che in un primo momento, aveva escluso l’ipotesi di aumentare ulteriormente il livello di tassazione per le imprese, sembra ripiegare e rassegnarsi all’idea di un aumento lineare delle aliquote IMU. Si proceda invece, senza ulteriori indugi a una spending review del bilancio comunale al fine di razionalizzare ed ottimizzare le spese e gli investimenti, per ridurre i costi di gestione della macchina comunale e i costi e il valore dei servizi erogati al cittadino. Si ponga inoltre in essere un piano di emersione che obblighi TUTTI, una volta per tutte, a contribuire il giusto allo sviluppo e alla crescita delle nostre isole. Sono, infine, anni che si operano interventi tampone e che non si investe per la crescita economica del nostro territorio, affidando tutto agli sforzi e agli investimenti dei privati, costretti a fare i conti con la precarietà dei collegamenti, l’assenza di infrastrutture per la bassa stagione ed un budget per l’assessorato turismo mai adeguato all’importanza delle Eolie. Lunedì, saremo in Consiglio comunale e vigileremo attentamente su proposte e decisioni che rischiano di compromettere i bilanci di molte aziende e di segnare pertanto una spaccatura a livello istituzionale con le categorie produttive, vista anche l’assenza di un reale e formale momento di confronto e concertazione.

Federalberghi Isole Minori della Sicilia

Federalberghi Isole Eolie