Isole Eolie: nuovi studi sul vulcano sottomarino Marsili che si trova a 100 km dall’arcipelago

22 febbraio 2014 Salina News - Eolie News
 
Il pozzo è previsto in una zona di mare aperto. Saranno perforate rocce basaltiche per una profondità di circa 1500 metri dove ci si aspetta di intercettare fluidi geotermici a temperature attorno ai 300-400 gradi. La proposta di avvio delle perforazioni è motivata dalle conclusioni delle fasi esplorative sul vulcano che hanno evidenziato la presenza di una grande riserva di fluidi geotermici”. 
 
Il Marsili con i suoi 70 km di lunghezza e i 30 di larghezza, è il vulcano più grande d’Europa e del Mediterraneo.
Nonostante gli oltre tremila metri di altezza dal fondo marino, la vetta resta ben 500 m sotto la superficie. Il vulcano è ancora attivo.
 
A stabilirlo è stato un gruppo di ricerca internazionale che comprende l’Istituto per l’ambiente marino costiero del Cnr di Napoli e l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Roma.
 
Una campagna di esplorazione, cominciata nel 2006 a bordo della nave oceanografica Universitatis, ha fatto il punto sulla natura di questo vulcano sottomarino, della cui potenziale pericolosita’ si discute molto poichè è nota da tempo la sua attività sismica e idrotermale.
 
Non è da escludere che il Marsili venga inserito nella lista dei vulcani italiani attivi come Vesuvio, Campi Flegrei, Stromboli, Etna, Vulcano e Lipari.
 
Dal sito eurobuilding.it
Il progetto “Marsili” è il primo esempio al mondo di valorizzazione di Energia Geotermica sottomarina. L’obiettivo è produrre energia elettrica sfruttando il campo geotermico formato dal più grande vulcano d’Europa: il vulcano sottomarino Marsili, nel mar Tirreno meridionale.
 
Quest’area è una delle zone più ricche di giacimenti di fluidi geotermici al mondo.
I numerosi vulcani presenti nel Tirreno meridionale – al largo delle coste siciliane, calabresi e campane – sono enormi sorgenti di calore; l’acqua marina che s’infiltra al loro interno si surriscalda (può raggiungere temperature di 400° C e pressioni superiori a 200 bar) e acquista un potenziale calorifero che può essere trasformato in energia elettrica, paragonabile a quello generato dalle più grandi centrali geotermiche mondiali o ad impianti nucleari di media taglia.
 
La geotermia offshore è una reale ed importante risorsa energetica tutta italiana; il vulcano Marsili può diventare la prima fonte di approvvigionamento di energia geotermica offshore della storia, aprendo la strada ad un’energia nuova, pulita ed inesauribile.
 
Il progetto rappresenta un prezioso contributo per una concreta diversificazione del mix energetico italiano, favorendo la crescita della produzione da fonti energetiche rinnovabili e l’abbattimento delle emissioni di gas serra in atmosfera.
 
Il Cammino del progetto “Marsili” si componde di tre fasi:
  • Esplorazione
  • Perforazione
  • Produzione