Il parlamento Europeo ha firmato il ‘Patto delle Isole’

30 novembre 2011 Salina News - Eolie News

La Sicilia – che aveva gia’ aderito nel novembre del 2010 al Patto dei Sindaci – ha formalizzato adesso la sua partecipazione anche al Patto delle Isole, che offre maggiori incentivi alle amministrazioni che decidono di utilizzare fonti rinnovabili e sistemi che abbattano le dispersioni e gli sprechi energetici. “Il Patto dei sindaci e, da oggi, il Patto delle isole, sono strumenti che costituiscono un importantissimo strumento per lo sviluppo di una nuova politica energetica, – ha detto l’assessore Marino -. Attraverso l’impegno e il supporto tecnico della Regione, tutti i comuni siciliani, hanno adesso l’opportunita’ di varare progetti sull’utilizzazione delle risorse rinnovabili, sul risparmio e sull’efficenza nell’uso dell’energia.” “Siamo di fronte a una opzione di sviluppo sostenibile su cui il Governo della Regione si e’ impegnato in maniera determinante. Grazie ai finanziamenti comunitari che sara’ possibile utilizzare, contribbuiremo in maniera concreta alla tutela dell’ambiente, dando un forte impulso a nuove attivita’ imprenditoriali che produrranno – e’ questo il nostro impegno – vantaggi anche sul piano economico ed occupazionale.” La Sicilia, fin dalla sua adesione al patto dei sindaci – il 9 novembre dell’anno scorso – e’ stata individuata come struttura di supporto per gli enti locali dell’isola. Per questo motivo alla cerimonia di Bruxelles, Giosue’ Marino, che e’ assessore regionale dell’energia, era accompagnato sia dal dirigente generale del dipartimento dell’energia, Gianluca Galati, che dal responsabile della gestione dei finanziamenti comunitari, Pietro Valenti, che hanno parallelamente incontrato i responsabili della gestione delle due iniziative comunitarie per una verifica della “road map” che dovra’ portare al raggiungimento degli obiettivi fissati dalla cosiddetta strategia “20 – 20 – 20”. Con la firma di ieri e l’impegno alla redazione dei SEAP, i singoli piani d’azione per l’energia sostenibile, all’assessorato di via Ugo La Malfa sara’ infatti costituita una vera e propria cabina di regia regionale, che coordinera’ le attivita’ su tutto il territorio: dalla realizzazione degli studi alla selezione dei progetti da ammettere al finanziamento, dal monitoraggio delle procedure a quello dei risultati ottenuti.

{loadposition simply468x60}