Fermo Ustica Lines e Ngi, gli effetti saranno pesanti

16 luglio 2012 Salina News - Eolie News

pagamento di oltre 29 milioni da parte della Regione siciliana alle due compagnie: 24,353 milioni a Ustica Lines e 4,840 milioni a Ngi”. E aggiunge: “la Regione siciliana deve porre rimedio a quanto ha già causato perché, se tra otto giorni si fermeranno le navi, c’è il serio rischio che esplodano atti di esasperazione, dettati dal legittimo bisogno”. Il segretario della Filt ricorda che “già lo scorso dicembre i sindacati contestarono al governo regionale la politica dei tagli lineari e l’assenza di risorse necessarie a mantenere i servizi di trasporto marittimi”. “Era chiaro già allora – rileva – che le cifre in bilancio non solo avrebbero pregiudicato l’espletamento delle gare per i servizi in scadenza ma al tempo stesso avrebbero impedito il pagamento delle spese correnti e avrebbero posto una pericolosa ipoteca sul futuro, cose di cui hanno già pagato un prezzo in questi mesi i lavoratori marittimi, con lo sbarco degli equipaggi e il rinvio dell’integrativo” . “Occorre adesso che il governo regionale intervenga immediatamente – conclude il sindacalista – e che i sindaci, le associazioni, gli imprenditori e le popolazioni coinvolte facciano sentire forte la propria voce con una giornata di protesta che veda insieme per la difesa dei propri indispensabili diritti le isole minori siciliane”.( da Liparibiz)