Centinaia di eoliani marciano su Palermo in difesa dell’ospedale di Lipari

19 ottobre 2011 Salina News - Eolie News

Dopo il tavolo tecnico di Roma e il successivo confronto tra sindaco e Comitato di protesta ha prevalso la diffidenza. La Commissione speciale sanità del comune di Lipari ha varato un documento, sintetizzando le proposte del club Unesco Isole Eolie, dello stesso Comitato di protesta e dell’Amministrazione, approvato ieri dal Consiglio comunale riunitosi, addirittura, in un bar nei pressi dell’ospedale per chiedere il concreto rafforzamento dell’unico nosocomio delle Eolie. Con quel documento che il sindaco presenterà alla Commissione Ars si chiede la riapertura di tutti i reparti “con giuste attrezzature e personale adeguato numericamente e professionalmente preparato alla gestione della routine e dell’emergenza che è possibile realizzare senza oneri aggiuntivi a carico del servizio sanitario regionale”. Il tutto, si propone, facendo sistema con i presidi ospedalieri di Barcellona e Milazzo; quindi con una turnazione di medici per garantire all’ospedale di Lipari professionalità oggettivamente autonome, individuate in base a criteri che offrono totale garanzia di esperienza. Sulla questione ieri l’arcivescovo Calogero la Piana ha incontrato nella rinnovato palazzo di via mons. Bernardino Re oltre che il Sindaco e l’assessore Giuseppe Finocchiaro, anche i componenti della commissione sanità Adolfo Sabatini e Saverio Merlino. Non nascondendo le preoccupazioni per l’attuale momento economico che costringe la politica a fare i conti con i numeri, mons. La Piana ha garantito che si farà come sempre latore delle istanze degli eoliani. «Il minimo che si possa chiedere alle istituzioni – ha detto – è quello di garantire i diritti fondamentali della nascita e della salute per dare dignità all’uomo e algi isolani in particolari che vivono per l’insularità in condizioni di disagio».

{loadposition simply468x60}