Sospeso per il momento il progetto cinematografico ‘Le Amanti del Vulcano’

8 giugno 2011 eolie e cinema

«A me Barbareschi, qualche giorno fa, ha detto che c’erano delle novità positive, ma non so dirvi altro». Ma è lo stesso Barbareschi a fare il punto della situazione. Rintracciato a Roma, di ritorno da Filicudi, ha spiegato che ” per fare un film occorrono dei tempi e per “Le amanti del Vulcano”- ha puntualizzato – siamo ancora nella fase di scrittura di un lavoro per il quale successivamente bisognerà trovare i finanziamenti». E alla domanda se Uma Thurman fosse confermata per il ruolo di Ingrid Bergman ha risposto che per quella parte, per lui, è ideale. «È perfetta- ha aggiunto Barbareschi – ma in questo momento è come parlare del sesso degli angeli». Il progetto, dunque, c’è ma la strada è ancora lunga. Specie se , ancora, mancano i quattrini. “Le amanti del vulcano”, è la rivisitazione cinematografica della burrascosa storia d’amore tra Roberto Rossellini, Ingrid Bergman e Anna Magnani alla fine degli anni quaranta alle Eolie. Storia portata alla ribalta negli anni ’90 dal principe Francesco Alliata di Villafranca che con la sua Panaria Film girava in contemporanea con il tedesco Dieterle “Vulcano” con protagonista la Magnani mentre a Stromboli nasceva, di fatto, la coppia Rossellini –Bergman. Vicenda, magistralmente narrata da Marcello Sorgi nel suo penultimo libro. A Lipari comunque si guarda, anche grazie al lavoro della Casanova multimedia, ai prestigiosi appuntamenti estivi della rassegna “Un Mare di Cinema” del Centro studi, nell’ambito della quale sarà consegnato il premio Efesto d’Oro. Quest’anno (il 16 luglio al teatro del castello) lo riceveranno gli attori Alessandro Preziosi, Stefania Rocca (protagonisti di “Edda Ciano e il Comunista”) e Raoul Bova; i registi Graziano Diana, Pasquale Scimeca, Emilio Greco e Sandro Martone. Tra gli eventi, una giornata dedicata all’Unità d’Italia con proiezioni di documentari inediti sullo sbarco dei mille in Sicilia; la proiezione del documentario “Sinopoli i tre cuori dell’uomo”, prodotto dalla Rai e la prima italiana de “Il Ribelle”, film con Valerio Mastandrea, presentato di recente a Madrid, sulla vita del comandante Picelli, confinato a Lipari nel 1926. Prevista, nello stesso periodo, come da qualche anno a questa parte, l’anteprima mondiale di due film della Twentieth Century Fox.