Il fotografo parmigiano, Giulio Nori, espone al SalinaDocFest 2015

17 settembre 2015 Eventi e Manifestazioni Salina

 

Nell’ambito del festival Giulio Nori, fotografo freelance e documentarista, presidente dell’associazione di documentazione sociale Le Giraffe e socio D.E-R (Documentaristi Emilia-Romagna), presenta la mostra “Primavera in Kurdistan. La terza e la quarta volta”, una gallery di dodici scatti in bianco nero analogico e dodici a colori digitale, frutto dei suoi quattro viaggi nel Kurdistan turco. Le occasioni che hanno portato Nori nel Paese sono diverse: dal primo, molto avventuroso, ventun’anni orsono, durante vacanze estive giovanili, al secondo, per partecipare a un campo di lavoro volontario del servizio civile internazionale, agli ultimi due, più recenti, all’interno di una delegazione come osservatore internazionale durante lo svolgimento del Newroz, il Capodanno curdo che il popolo festeggia il 21 marzo, una festa dell’identità curda all’insegna della resistenza ai tentativi di assimilazione da parte del governo turco.

Come incipit della mostra, una frase di Ernesto Guevara che informa anche lo spirito dell’associazione di cui Giulio Nori è stato co-fondatore nel 2006: “Soprattutto siate sempre capaci di sentire nel più profondo di voi stessi qualsiasi ingiustizia commessa contro qualsiasi persona, in qualsiasi parte del mondo”. Il lavoro di documentazione di Nori parte proprio dalle emozioni scaturite dal trovarsi a cospetto di un popolo vessato da secoli, ma mai fiaccato. Le foto, di grande impatto, sono accompagnate da un diario minimo che da un lato amplifica le informazioni sul contesto sociale, dall’altro offre frammenti di vissuto quotidiano che rendono l’esperienza “audience friendly”.

Nel catalogo del festival ( GUARDA IL PROGRAMMA COMPLETO ) Stefano Corso scrive, sulla mostra: «Nori attraverso i suoi scatti racconta i diversi aspetti della quotidianità apparente di una festa identitaria, fortemente ostacolata dal governo Turco tanto da far sembrare, negli anni, la repressione una parte della tradizione stessa. I colori restituiscono calore alla polvere e i suoni della primavera accendono visivamente la fierezza dell’ appartenenza ad una terra arida ma viva».

* Giulio Nori, fotografo freelance e documentarista, nasce a Parma il 25 ottobre 1969. E’ presidente dell’associazione di documentazione sociale Le Giraffe e socio D.E-R (Documentaristi
Emilia-Romagna). ( Fonte Rosso Parma)

giulionori.wordpress.com 

Nella foto una delle opere con cui Giulio Nori si presenterà al Festival