Vulcano:arrestata una 18enne romena per estorsione

10 giugno 2015 Cronaca Eolie

 

L’acquirente, interessato all’acquisto di un pelapatate e impietosito da una giovane donna incinta e apparentemente bisognosa, prende dal portafogli 50 euro per pagare. A qual punto, la donna rumena trasformando il suo fare da “compassionevole” a freddo e aggressivo, strappa dalle mani dell’uomo la banconota di 50 euro e le nasconde nel suo reggiseno. Nello stupore del malcapitato, la donna lo incalza con una vile minaccia “se non mi dai altri 50 euro mi metto a urlare, chiamo i Carabinieri e dico che mi hai violentato, io sono incinta e minorenne… se non paghi subito ti rovino!”.

{loadposition banner2}

Visto che la donna stava alzando la voce e che la situazione stava degenerando, l’uomo, ancora frastornato e sorpreso, per evitare più gravi conseguenze le consegnava 50 euro e la mandava via.

La vittima resasi conto della vile estorsione subita si rivolgeva ai Carabinieri. I militari in pochi minuti, raccolta la denuncia, intercettavano la rumena proprio mentre cercava di scappare imbarcandosi su un aliscafo in direzione Milazzo. La donna veniva subito condotta presso la guardia medica di Vulcano. I Medici appuravano innanzitutto che la donna, che lo ricordiamo è in stato interessante, si trovava in ottimo stato di salute. I sanitari inoltre accertavano che non aveva subito nessun tipo di violenza.

Escluso, quindi, che qualsiasi tipo di violenza fosse stata esercitata sulla donna, la stessa veniva perquisita e trovata in possesso di due banconote da 50 euro oggetto dell’estorsione.

La 18enne, già nota alle forze dell’ordine, veniva tratta in arresto per estorsione e vista anche la sua gravidanza, veniva ristretta presso il proprio domicilio a Milazzo in regime di arresti domiciliari.

I Carabinieri della Compagnia di Milazzo che da molto tempo stanno “monitorando” il fenomeno dell’ambulantato e delle vendite “porta a porta” invitano i cittadini, soprattutto gli anziani, a prestare la massima attenzione negli acquisti e ad evitare di far accedere estranei in casa per qualsiasi motivo.