Lipari: la commissione Ars arriva il 15 marzo, la lunga giornata di oggi tra comunicati, post e smentite

7 marzo 2016 Cronaca Eolie

Ho avuto più tempo per leggere i vari interventi .
E notare anche i NON-interventi.
Sono tante le cose che non capisco in tutta questa storia
Il silenzio di Salina,ad esempio
Vi è stato un intervento di un assessore,ma a livello personale e un ” mi piace” che ha reso felice il signor Correri, e poi basta .
Leggo che i sindaci non sono stati invitati al tavolo tecnico..embè ?
Bisogna essere invitati per portare avanti le esigenze , anzi i diritti, della gente?
Sicuramente i sindaci di Salina si saranno attivati,perché allora non sentono il bisogno di tranquillizzare la popolazione dicendo ciò che hanno fatto?
E perché trovo questo continuo attacco al sindaco di Lipari per la sua inattività e questa comprensione verso quelli di Salina?
E ancora,la gente di Salina.
Tranne Angelo Cervellera e Cesare Giuffrè …silenzio.
E vorrei capire:
” è un problema che non interessa i Salinari? “
Non mi sembra perché sento spesso lamentele quando ci si deve recare a Milazzo o Messina per qualche visita specialistica che non è possibile effettuare a Lipari, o quando il brutto tempo ti fa saltare appuntamenti fissati da mesi..
Il doversi spostare a Milazzo per partorire,con gli enormi disagi che ne conseguono,non è solo per i Liparoti, no ?
Non capisco.
Vedo pagine di FB piene di inviti a votare SI al prossimo referendum ( si parla di Aprile), grande gioia per il fenicottero rosa ( condivido l’entusiasmo,è uno spettacolo), foto di iniziative che riguardano il cibo e commenti entusiasti per i meravigliosi spettacoli che la natura ci riserva Certamente tutte informazione valide e da condividere, però …
Come mai nessun commento, nessuna attenzione verso questo argomento così fondamentale per la vita di tutta la comunità?
Eppure a Salina di lotte se ne sono fatte !
Credo che Salina aspetti.
Aspetti che qualcuno dia il via.
Si,questo siamo a Salina.
Forse a Salina prima di fare,di parlare,di “pensare” ci si chiede ” ma u sinnacu chi dici? “:
Paura di scontentare o di esporsi? Non so.
So solo che se ,per la manifestazione a Lipari,si vuole partecipazione popolare bisogna che i sindaci diano la loro approvazione.
Personalmente non reputo importante il “tavolo tecnico” che si terrà a Lipari.
La manifestazione dovrebbe ,invece, essere un segnale.
Un dire ” Basta !”
E non darei l’impressione di un popolo festoso e pacifico,no !
Quando si lotta per i propri diritti ,quando si è coscienti di stare subendo un’ingiustizia si è incavolati,non allegri!
Noi SIAMO un popolo pacifico,ma NON FESSI, che sia chiaro!
E allora,niente abiti colorati, ma LUTTO.
Lutto perché stiamo perdendo qualcosa;
lutto perché ,oltre l’ospedale, stiamo perdendo la nostra dignità;
lutto perché non siamo stati in grado di eleggere gente che portasse avanti il semplice concetto di uguaglianza!
E ribadisco quanto scritto precedentemente.
Anzi lo ripropongo !

” VERGOGNA ! Vergogna non solo ai nostri miseri governanti ( regionali e Nazionali) ,ma anche a noi, noi cittadini di una vigliaccheria inaudita, noi che subiamo quasi in silenzio, che non riusciamo più a urlare il nostro sdegno,noi che abbiamo ciò che meritiamo!
Adesso vedremo i nostri politici con la solita faccia contrita ” esprimere il dolore” ,leggeremo il solito ” non dovrà succedere più “
VERGOGNA !
Da tanto tempo,da troppo tempo, si parla del nostro ospedale,della sua lenta agonia, si discute, si inviano lettere, si fanno “tavoli tecnici”., senza capire che tutto ciò,ormai, non serve a nulla.
Non serve perché questi nostri politici non ascoltano,vanno avanti per la loro strada,perché a loro interessa solo mantenere privilegi …questa la chiamate ancora democrazia ?
Svegliamoci !
Davanti alla morte di questo neonato,immaginando il dolore di una mamma,di un’intera famiglia, non possiamo più aspettare,non possiamo più chiedere ” per favore” !
La salute è un DIRITTO, l’ospedale di Lipari non deve essere una concessione,è un nostro diritto !
Siamo sette isole,quattro comuni,possibile che noi dobbiamo essere cittadini italiani solo al momento di pagare le tasse ?
Salina tace,come se il problema non ci riguardasse.
Chiusi tutti nel nostro piccolo,piccolissimo, mondo.
Siamo EOLIANI, abbiamo ancora dignità e orgoglio ?
O dobbiamo pensare solo al flusso turistico che si prevede per l’Estate ?
Io non ho ricette,non ho soluzioni, non sono un politico, sono solo una cittadina Eoliana.
Troviamo insieme delle soluzioni,delle strategie da seguire, magari utilizzando il web.
Ma troviamole,senza perdere tempo,senza inutili chiacchiere. Facciamo sentire la nostra voce,in modo ben organizzato,INSIEME !
Cosa farei io, con la rabbia che provo questa sera ?
Organizzerei una grande manifestazione a Roma,farei un bel falò con i nostri certificati elettorali,occuperei,bloccherei la città,farei sentire la nostra presenza,il nostro peso …
Farei…
Per favore,FACCIAMO qualcosa ! “

Concludo dicendo che non mi interessano le beghe politiche di Lipari,né quelle di Salina ,come non mi interessa se i vari sindaci hanno buoni rapporti tra di loro,in questo momento ciò che conta è ESSERE UNITI, se si vuole raggiungere l’obiettivo.
Grazie ancora a Daniele Corrieri e alla gente di Lipari per la loro determinazione !

 

Sulla pagina di Controcorrente Eoliana, qualche ora fa viene condiviso un post di Massimo Finocchiaro, presidente A.S.T. azienda siciliana trasporti e coordinatore provinciale Megafono, dove attacca il sindaco di Lipari sulla questione dell’ospedale

Un Sindaco che non sa ascoltare, che non si confronta e che non ha chiaro che rappresenta una intera comunità e non se stesso, non è un buon Sindaco.

Un Sindaco che non dimostra sensibilità alle ripetute richieste della cittadinanza, soprattutto in materia sanitaria, non rispetta il mandato ricevuto.

Un Sindaco che d’imperio compone un tavolo tecnico-scientifico venendo meno ad un accordo per un libero dibattito, probabilmente ha già altro in mente.

In tutto questo ci dispiace dover constatare un comportamento capzioso da parte dell’ASP di Messina diretta dal Dott. Gaetano Sirna.

E’ infatti improbabile che il Dott. Sirna non sia a conoscenza di quanto stia accadendo a Lipari, considerato il fatto che lo stesso abbia dovuto autorizzare personalmente la partecipazione nei termini di legge per i circa 15 medici che compongono il famoso tavolo tecnico-scientifico, medici che, appunto per legge, non potranno dare alcun contributo a carattere personale se non ribadire le scelte e le linee guida della stessa ASP. E allora il Sindaco perché non invitava direttamente il Dott. Sirna.? Potrebbe forse lo stesso Sirna essere mai smentito dai suoi stessi medici – “dipendenti”?

Insomma una farsa, un nulla del nulla, un tentativo maldestro di circuire l’intera popolazione delle Isole Eolie, e gli altri Sindaci che ne pensano? Si accodano? L’ospedale di Lipari non è anche un loro problema?

Massimo Finocchiaro 

*Coordinatore provinciale Megafono

 

Di qualche giorno fa la notizia della costituzione del tavolo tecnico per l’arrivo il 15 marzo della commissione ARS a Lipari, appena resi noti i nomi si infuoca il dibattito e le polemiche, grandi assenti i tre sindaci di Salina e Salvatore Di Gregorio vice presidente dell’A.N.S.P.I., nome chiesto a gran voce anche da alcuni consiglieri comunali per far parte della commissione.

Iniziano una serie di comunicati per chiederne le motivazioni di tale esclusione e tanto altro, in tanti sostengono che i sindaci di Salina non siano neanche stati invitati.

Pochi minuti fa il comunicato del sindaco di Lipari che smentisce il mancato invito ai sindaci di Salina

 

COMUNICATO STAMPA   CHIARIMENTI SU ISTITUZIONE TAVOLO TECNICO SANITA’

Il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni

Il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni

In risposta alle osservazioni poste da alcuni consiglieri comunali sul mancato coinvolgimento degli altri sindaci eoliani sulla questione “sanità”, si ritiene sarebbe stato utile – prima di giungere a delle conclusioni false ed affrettate, interloquire in talsenso con il sindaco che certamente avrebbe chiarito i dubbi evitando le solite inutili polemiche.

I sindaci di Salina o loro delegati in ben due incontri tenutisi tra gli amministratori eoliani sono stati aggiornati dal sindaco di Lipari che ha relazionato sia sull’esito dell’audizione già avvenuta presso la Commissione Sanità sia sull’evolversi della situazione.

Nell’ultimo incontro, in particolare, il Sindaco di Lipari ha anticipato che avrebbe trasmesso loro una bozza del documento che verrà esitato dal tavolo tecnico costituito per ottenere un loro parere e/o integrazione prima che questo divenga definitivo.

Nella stessa occasione, il sindaco ha notiziato sulla presenza a Lipari della Commissione regionale per giorno 15 marzo, chiedendo agli stessi di partecipare.

L’Amministrazione ha interesse al coinvolgimento di tutti e, proprio per questo, ha incontrato anche alcuni rappresentanti della Consulta Giovanile e dell’Istituto Isa Conti di Lipari, chiedendo ad entrambi di formulare un documento da sottoporre al tavolo costituito.

Nei prossimi giorni, inviterà anche i rappresentanti di associazioni del settore che hanno già mostrato la propria disponibilità a partecipare al dibattito al di là del mancato inserimento in un tavolo tecnico istituito secondo una logica già più volte esplicitata e che nulla ha a che vedere con l’arroganza attribuita da questi consiglieri al Sindaco.

Si coglie l’occasione per ricordare ai consiglieri che proprio nella stessa Commissione da loro citata, relativamente alla partecipazione del vice-presidente dell’A.N.S.P.I. – sig. De Gregorio, il sindaco aveva già avuto modo di esprimersi rassicurandoli che lo stesso sarebbe stato coinvolto quale rappresentante di un’Associazione – in un’interlocuzione successiva alla Commissione istituita, invece, secondo modalità diverse.

Quindi, anche in questo caso, parlare di volontà di esclusione appare del tutto fuori luogo.

Tanto per ristabilire una verità deformata.

Il Sindaco

(Marco Giorgianni)

Se ne deduce che i sindaci di Salina siano stati invitati e che anche Salvatore De Gregorio dovrebbe far parte del tavolo tecnico…..sarà cosi??? Invece ve lo diciamo subito….

 

Il sindaco di Santa Marina Salina, Massimo Lo Schiavo dopo aver letto il comunicato del sindaco di Lipari, su fb posta quanto segue

Massimo Lo Schiavo

.….Quindi diventa necessario chiarire che personalmente ( e non ho assegnato deleghe alla sanita’ )non ho mai ricevuto ne convocazioni scritte ne telefonicheriguardanti la delicata problematica Dell ospedale di Lipari. Posso affermare che ho appreso dai giornali on line o da preziosi blog, di un tavolo tecnico…e non solo!

 

 

Di pochi minuti fa un altro comunicato del sindaco di Lipari che risponde a Massimo Finocchiaro sulla sua dichiarazione

Comunicato stampa Sindaco

Certo è che leggere un articolo a firma del coordinatore provinciale dello stesso movimento politico del Presidente della Regione che, tra l’altro, tratta la problematica delle risorse assegnate alla sanità e nello specifico quella di Lipari, addirittura entrando nel merito delle scelte dell’Amministrazione riferite alla composizione di una delegazione che faccia presente alla parte politica nello specifico quelle che sono le problematiche del Presidio Ospedaliero di Lipari, lascia a dire poco di stucco.

Quindi è il caso di replicare al comunicato a firma di Massimo Finocchiaro; che il Sindaco di Lipari non si confronti è solo una sua opinione, e che non ascolti lo è ancora in modo più infondato. Ho già elencato in un altro comunicato le iniziative intraprese per ascoltare tutti, cominciando dai giovani, ho sentito la consulta giovanile, ho ascoltato i rappresentanti delle scuole, e come ho già riferito incontrerò le associazioni, alcune delle quali sono già state contattate per un incontro nei prossimi giorni. Ho anche descritto, in un altra sede, le interlocuzioni avute con gli altri Sindaci, ma evidentemente al Sig. Finocchiaro per attaccare il Sindaco di Lipari bastano solo le informazioni di parte dei suoi amici che sono abituati alla mistificazione della realtà.

In quanto alla costituzione del tavolo tecnico, che è tutt’altro che una istituzione partigiana, come ho avuto modo di spiegare anche al Sig. Finocchiaro, che mi ha telefonato anche qualche giorno fa e al quale, visto che il Sindaco di Lipari non ascolta, ho avuto modo di ascoltare il suo punto di vista ed esprimere il mio, ho già spiegato la logica della sua composizione.

Prima che Sindaco di Lipari, al contrario del Sig. Finocchiaro, sono un cittadino di queste Isole e ho a cuore certamente più di lui un Ospedale che funzioni a garanzia della mia salute, dei miei cari e dei miei concittadini.

Allora spieghi lui nella qualità di rappresentante del Megafono, a me come cittadino di Lipari prima, che come Sindaco poi, le false rassicurazioni del Governo Regionale, le mancate promesse, e le inutili delibere che hanno, sino a pochissimo tempo fa, tranquillizzato gli eoliani sull’esito irrealistico del Punto Nascita di Lipari, invece di tentare di addebitare al Sindaco di Lipari ogni colpa e l’altrui responsabilità.

Io le mie responsabilità me le prendo in pieno avendo consapevolezza che la posizione e le iniziative dell’Amministrazione comunale di Lipari, compresa la costituzione del tavolo tecnico, sono votate a risolvere le questioni della sanità eoliana nel massimo sforzo che un Amministrazione locale può mettere in campo all’interno delle Istituzioni, e certamente non indirizzate a tentare invece, come fanno altri, a cercare capri espiatori per i propri fallimenti.

Il Sindaco

Marco Giorgianni