capperiAnche se il tritacarne ha ripreso a macinare, l’umore positivo e una rara sensazione di rilassata lentezza sono durati più del solito, stavolta. Miracolo di Salina, perla delle isole Eolie, che evidentemente sa dilatare il benessere del soggiorno e regala persistenze degne di un grande vino.

Chiaro, il babbeo alla tastiera non può aggiungere niente a quel che già si sa, né è questo l’intento del post, approssimativo come e più del solito, con nessuna velleità se non quella di trasmettere qualche vibrazione positiva e suggerire un viaggio.

Incarto e porto a casa i saliscendi e le curve in motorino, capaci di portare dal mare alla montagna, che svetta oltre i 900 metri del Fossa delle Felci. Dal caldo al fresco in pochi minuti, dai grossi sassi della riva, con spiagge praticamente inesistenti ma lunghi bagni alla potata, alle nuvole permanenti che avvolgono le vette.

La discesa più bella porta a Pollara, alla casa del “Postino” di Troisi; malconcia, con l’erba alta, al degrado come niente fosse. Poco lontano due posticini per un piatto come si deve: l’agriturismo Al Cappero la Locanda del Postino(appunto).